giovedì 24 aprile 2014

Lettera a Ventimiglia

Mi chiamo Andrea Iorio, ho 24 anni e sono uno dei fondatori di Alternativa Intemelia.
È dal 2009 che, come semplice collettivo, abbiamo cercato di sensibilizzare la popolazione su ecologia, problemi della nostra città (tra cui criminalità organizzata e rapporti con la politica locale), legalità ed educazione civica. Solo nell'ultimo anno abbiamo sentito, più che la necessità, il dovere morale di trasformare idee e sogni in qualcosa di reale e abbiamo creato un gruppo di pensatori per formare una lista per le prossime elezioni. Fin dall'inizio di questa nostra prima esperienza politica abbiamo creduto nelle primarie come unico strumento per unire le forze del centro-sinistra locale; ci siamo battuti fino in fondo perché si realizzassero. Purtroppo questa prima esperienza è stata negativa, siamo partiti con buoni propositi e con un bel programma e gradualmente siamo passati a parlare esclusivamente di giochi e di strategie politiche, allontanandoci quindi di molto dal nostro scopo. Le primarie, additate dalle forze alleate come strumento di autodistruzione, sono tramontate e così il nostro gruppo ha deciso (ad alzata di mano) di ritirarsi dalla sfida elettorale. Questo perché non si è riusciti ad unire le forze e sopratutto per non diventare parte di strani giochi politici o essere sfruttati come miniera di gioventù e idee. Niente compromessi quindi.
Abbiamo deciso pertanto di continuare la nostra attività di sensibilizzazione e di partecipazione alla vita politica ventimigliese, ma esternamente ai luoghi istituzionali, facendo crescere il consenso e il coinvolgimento dei cittadini nella speranza di diventare un fenomeno sociale di riferimento; un organo di controllo e, quando necessario, di denuncia rispetto all'attività della prossima amministrazione comunale.
Personalmente l'impatto con la politica "dei grandi" è stato molto duro e mi ha creato grandi stress e delusioni. Dopo il ritiro di A.I. mi sono guardato intorno per candidarmi a titolo personale in un altro progetto (il più possibile simile a quello del mio gruppo) per fare esperienza e mettermi alla prova, ma per fortuna mi sono reso conto di essere troppo ingenuo, inesperto e coercibile e quindi ho deciso di non candidarmi.
Viene spontaneo chiedersi perché io stia scrivendo queste cose e quale interesse possano suscitare. In primo luogo, vuole essere un sunto degli avvenimenti pre-elettorali, in secondo luogo, un manifesto di ciò che (per me) è e sarà Alternativa Intemelia, ma sopratutto lo sfogo di un giovane pieno di speranze e sogni che ha sbattuto duramente la faccia contro la realtà del mondo desolante della politica, basato su opportunismo, sotterfugi e compromessi.
Ci tengo però ad informarvi che un ragazzo del nostro gruppo ha deciso di candidarsi in un altro progetto a titolo personale e presto presenterà la sua candidatura pubblicamente. Spero che attraverso di lui possano entrare in Consiglio Comunale le nostre idee e i nostri progetti per cambiare Ventimiglia in meglio.